facebook-icongoogle-plus-icontwitter-iconpinterest

ISOLA BELLA

Posizionata lungo la costa taorminese, l'Isola Bella è diventata, assieme al Teatro Greco, il simbolo di Taormina. Pittoresco e suggestivo, l'isolotto mantiene ancora oggi inalterato la sua bellezza e il suo fascino.

Isola bella - Taormina

LA STORIA DELL'ISOLA BELLA

I primi riferimenti storici sull'isolotto si hanno nel 1806, quando Ferdinando I di Borbone, Re delle Due Sicilie, lo donò al Comune di Taormina. L'isola fu poi successivamente acquistata intorno al 1890 da una ricca nobildonna inglese, Florence Trevelyan, per una cifra di 14 mila lire.

Lady Florence Treveylan fu esiliata in Sicilia dalla regina d'Inghiltera Vittoria, perchè amante del cugino e futuro re Edoardo VII. Qui sposerà poi il chirurgo taorminese, prof. Salvatore Cacciola.

A Lady Florence Treveylan si devono gran parte delle bellezze presenti oggi sull'isola. Sfruttando infatti la sua passione per le piante, Lady Treveylan impiantò sull'isolotto delle piante tropicali di assoluto valore che, mischiandosi con la vegetazione mediterranea presente sull'isola, formano ancora oggi uni scenario unico al mondo. Lady Trevelyan costruì inoltre sull'isolotto una casetta immersa nel verde in cui trascorreva le ore più calde della giornata.

Morti Lady Treveylan ed il marito Salvatore Cacciola, l'isolotto andò in eredità al nipote e avvocato Cesare Acrosso che lo vendette alla famiglia Lo Turco per 30 mila lire. I Lo Turco di dovettero scontrare però con il divieto del comune che impedì ulteriori costruzioni sull'isola.

L'isolotto rimase così abbandonato per alcuni decenni, fino a quando, nel 1954, venne acquistato dalla famiglia Bosurgi di Messina, proprietaria di un'importante fabbrica, la Sanderson, azienda di trasformazione degli agrumi.

I Bosurgi riuscirono ad agirare il divieto di costruzione posto dal comune e riuscirono ad edificare un'abitazione incastonata tra le pietre e ricoperta da una fitta vegetazione che da un certo punto di vista rendono la vista ancora più affascinante.

Nel 1982, il fallimento della Sanderson, provocò la vendita dei beni della famiglia Bosurgi e quindi anche dell'Isola Bella all'asta. Intanto, completamente abbandonata, l'isola veniva presa di mira da vandali che distrussero gran parte della sua bellezza.

Soltanto nel 1984 si tenta di porre rimedio dichiarando l'isola un bene di interesse storico-artistico e pertanto patrimonio dell'umanità. Nel 1990 venne poi acquistata dall'Assessorato dei Beni Culturali per una cifra di circa dieci miliardi di lire.

Nel 1998 l'isola fu dichiarata riserva naturale e passò sotto la gestione del WWF prima e del Cutgana poi che contriburono e contribuiscono ancora oggi a far rimanere questo posto un angolo di paradiso.

Il sito è diventato dal 2011 Museo Naturalistico Regionale di Isola Bella, ed è visitabile dal pubblico per un costo di 4 euro a persona tutti i giorni tranne il lunedì dalle 9 fino ad un'ora prima del tramonto.

COME RAGGIUNGERE L'ISOLA BELLA

L'isola Bella è raggiungibile dal centro prendendo la funivia in via Pirandello fino a Mazzarò e poi proseguendo a destra per circa 200 metri, oppure, per chi volesse fare una passeggiata, a piedi attraversando Via Pirandello fino al belvedere "Isola Bella" e poi prendendo un sentiero che porta direttamente all'ingresso dell'isolotto.

 

INDIRIZZO

Via Nazionale - Strada Statale 114
TELEFONO: +39 0942 628738

ORARI

Aperto da Martedì a Domenica dalle 09:00 fino ad un'ora prima del tramonto. Lunedì chiuso.
Nel periodo invernale gli orari possono subire variazioni in base alle condizioni metereologiche.
Le visite sono scaglionate in gruppi di 15 persone

TARIFFE

Biglietto singolo intero: € 4,00
Biglietto singolo ridotto: € 2,00
Biglietto residenti nella provincia di Messina: € 1,00

Ti potrebbe interessare

Torre dell'orologio

15-04-2013 Hits:12634 Monumenti

La torre dell'orologio si trova in posizione centrale sul Corso Umberto, di fianco a Piazza IX Aprile. Proprio per la sua posizione la torre viene chiamata anche Porta di Mezzo e...

Read more

Chiesa di Sant'Agostino

15-04-2013 Hits:10417 Chiese

La chiesetta di Sant'Agostino si trova in Piazza IX Aprile di fronte alla Torre dell'orologio. La chiesa originariamente fu intitolata a San Sebastiano e successivamente concessa agli agostiniani intorno al...

Read more

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

Prenota escursione

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

transfer aeroporto

Blog

Facebook

Positive SSL

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più sull'uso dei cookie clicca qui. Cliccando su Ok o scorrendo la pagina acconsenti all'uso dei cookie.